FOCUS | Roma, un derby speciale che sa di Europa

Pubblicato 
domenica, 20/03/2022
Di
Andrea Castellano
bañez-roma-lazio-seriea-lazionewseu
Tempo di lettura: 3 minuti

ROMA LAZIO AVVERSARIA - 20 marzo 2022, la capitale si ferma: c'è il derby. Alla trentesima giornata di campionato prima della sosta, le due squadre di Roma si scontrano. I giallorossi arrivano da un'ottima serie di risultati utili consecutivi, con buone prestazioni anche in Conference League. È un match importante che ha il sapore di Europa: la formazione di Mourinho può ancora sperare nella qualificazione in Champions League, aspettando un passo falso dalle altre.

26 maggio 2013, il derby dei derby

Il derby a Roma non è una partita qualunque. La stracittadina rappresenta tutto, vale più di ogni altra cosa: chi vince si prende Roma. Sono 90 minuti in cui nulla ha più senso, si pensa solo a portare a casa la vittoria a qualsiasi costo. Ciò che accade nel 2013 è storico: per la prima volta LazioRoma si affrontano in una finale per un trofeo. Il 26 maggio 2013 la città è silenziosa, concentrata. Tutti sanno quanto valga una vittoria in quei 90 minuti: si tratta del derby dei derby, chi ne esce vittorioso si prende tutto, questa volta per davvero. La sfida non è ricca di gol o particolarmente spettacolare: entrambe hanno paura di perdere, quindi si chiudono e ripartono a fatica. Nel secondo tempo, però, arriva la magia. Un azione sulla destra di Mauri e Candreva porta il numero 87 al cross. Dall'altra parte, tocca il pallone Stekelenburg che mette in difficoltà Marquinhos e facilita il tap-in di Senad Lulic al 71'. Esplode l'Olimpico: il biancoceleste invade lo stadio e la capitale. Al triplice fischio, apoteosi Lazio: il derby dei derby ha decretato il suo vincitore, l'aquila è padrona di Roma.

2022, lo stile di gioco della Roma avversaria della Lazio

José Mourinho ha spesso cambiato assetto tattico nel corso di questa stagione, soffermandosi nell'ultimo periodo su un 3-4-1-2. In porta c'è Rui Patricio: è arrivato in estate e ha alternato ottime prestazioni a sviste preoccupanti. I tre difensori sono Kumbulla, Smalling e Mancini, con Ibanez che insidia l'inglese al centro della difesa. In cabina di regia, sono in quattro per due maglie: Sergio Oliveira e Veretout per più qualità, Cristante e Mkhitaryan per corsa, fisico e tecnica. Sugli esterni la situazione è molto simile: il giovane Zalewski ha superato tutti nelle gerarchie ed è in vantaggio su Vina e Maitland-Niles per una maglia da titolare a sinistra. A destra, invece, l'unico proprietario è l'olandese Karsdorp. Sulla trequarti si muove Lorenzo Pellegrini, a sostegno degli imprescindibili Abraham e Zaniolo. I due hanno una grande intesa, si cercano e si trovano costantemente, sono in forte crescita.

Roma, corsi e ricorsi storici

Il derby di Roma è una delle partite più sentite e accese del mondo. La prima sfida risale al 1929, quando i giallorossi si sono imposti per 0-1 con il gol di Volk. Questo è stato solamente il primo di 179 incontri, con 66 vittorie dell'attuale società dei Friedkin, 65 pareggi e 48 risultati favorevoli alle aquile. In quanto a gol fatti, sono 222 le reti dei lupacchiotti e 178 quelle biancocelesti. La stracittadina capitolina ha sempre regalato gioie e dolori per entrambe le tifoserie: dal dito puntato di Chinaglia all'1-5 di Montella, dall'esultanza sotto la Curva Sud di Di Canio al selfie di Francesco Totti. Sicuramente, però, la gara più importante e più sentita è stata quella del 26 maggio 2013. In finale di Coppa Italia, infatti, si sono affrontate le due formazioni, dove la Lazio ne è uscita vincitrice grazie allo storico gol al 71' di Senad Lulic. Da quel giorno, questa speciale partita non è stata più la stessa.

Avversaria Lazio 2022, le statistiche particolari sulla Roma

La Roma è una delle squadre che ha guadagnato meno punti da situazione di svantaggio. Infatti i giallorossi hanno ottenuto solamente 5 punti in 12 occasioni in cui sono andati sotto nel punteggio (penultimo risultato, davanti solo al Torino con 4 punti in 13 partite). La formazione di Mourinho è anche tra le società che hanno realizzato più reti nei minuti di recupero del 90': sono 5 i gol fatti negli ultimi istanti di partita, al pari di Udinese e Atalanta.

Andrea Castellano

, , , , ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram