lazionews.eu-lazio-stadio-olimpico-spalti-interni.
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

STADIO ZINGARETTI – L’ultima partita giocata dai biancocelesti in uno Stadio Olimpico pieno è stata Lazio-Bologna del 29 febbraio scorso, pochi giorni prima del lockdown. Grazie all’ordinanza firmata pochi minuti fa da Nicola Zingaretti, l’impianto sportivo potrà riabbracciare un numero esiguo di tifosi in occasione di Lazio-Inter. Ecco il documento sottoscritto dal Presidente della Regione.

Il comunicato stampa

“Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato l’ordinanza con cui si consente, in considerazione delle disposizioni normative attualmente vigenti, la partecipazione del pubblico, entro il limite di 1.000 spettatori all’aperto, agli incontri di calcio professionistico di serie A, che vedono interessate le squadre AS Roma e S.S. Lazio presso lo Stadio Olimpico, nelle seguenti giornate: domenica 27 settembre 2020 RomaJuventus e domenica 4 ottobre 2020 Lazio Inter. Ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica, si legge nella nota, la presenza di pubblico sarà consentita solo presso i settori in grado di assicurare la permanenza delle persone presso la postazione seduta pre-assegnata per l’intera durata dell’evento. Gli organizzatori dovranno garantire il contingentamento ed il controllo degli ingressi e un’apposita segnaletica sui posti non utilizzabili. Sarà obbligatorio inoltre far rispettare un distanziamento minimo tra le sedute assegnate affinché tra uno spettatore e l’altro vi sia frontalmente e lateralmente, almeno 1 metro e assicurare la presenza di prodotti per l’igiene delle mani per gli spettatori e per il personale, in più punti dello stadio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.