APPROFONDIMENTO LAZIO CAICEDO NANI – La Lazio si divora il match ball Champions e non può andare in vacanza con una settimana d’anticipo. La massima kermesse europea dista ancora novanta minuti e sarà fondamentale non perdere in casa con l’Inter, domenica prossima. Si doveva vincere a Crotone. Si poteva tranquillamente vincere a Crotone. E invece no. Là davanti, purtroppo, è mancato ancora una volta, irrimediabilmente, Ciro Immobile. Il sostituto, se veramente di sostituto possiamo parlare per l’abissale differenza tecnica, tattica, dinamica e prolifica, quel Felipe Caicedo capace di divorarsi due gol praticamente già fatti, senza creare nulla più, senza neanche provare a guadagnarsi il sei in pagella sbattendosi in ripiegamento ed aiutando il centrocampo in fase di non possesso, ha steccato la chance più importante della sua carriera.

I NUMERI – Appena tre i tiri verso la porta avversaria (bruciati malamente), tanti passaggi sbagliati (oltre il 30%), soltanto 29 palloni giocati, ben 4 falli commessi ed un misero 23,4% di duelli vinti: il più bello, quello su Ceccherini, vanificato dal prevedibile scavetto, letto perfettamente da Cordaz. A differenza di Nani, assolutamente impalpabile ed autore di una prestazione che, salvo clamorose sorprese, pregiudica definitivamente qualsiasi velleità di riscatto, l’attaccante ecuadoriano dovrebbe essere riconfermato nella rosa della Lazio 2018-19. La realtà dei fatti, però, a maggior ragione in caso di qualificazione in Champions League, impone l’acquisto di un vero vice-Immobile.

Giordano Grassi

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.