Esperienza, cuore e sudore: Acerbi si è (già) preso la Lazio

Pubblicato 
sabato, 29/09/2018
Di
Redazione Lazionews.eu
Tempo di lettura: 2 minuti

FRANCESCO ACERBI LAZIO DERBY - In principio fu il Pavia. Poi il Milan, il Sassuolo e finalmente la grande occasione: la Lazio. Ne ha fatta di strada Francesco Acerbi da quando, a diciotto anni, debuttava contro il San Marino in Serie C1; dovrà aspettare il novembre del 2011 per l'esordio nel massimo campionato italiano con la casacca del Chievo.

LA SFIDA PIÚ IMPORTANTE - Tante le gare vinte, poi la sfida più grande: la malattia. È il 2013 quando, durante le visite mediche di inizio stagione con il Sassuolo, al difensore classe '88 viene diagnosticato un tumore al testicolo. Operato d'urgenza al San Raffaele di Milano, inizia un periodo di riabilitazione tra chemio e radioterapia: sei lunghi mesi, senza mollare mai. "Ho vissuto un anno in salita, ma ho superato tutto. Ora sto bene e ho voglia di giocare alla grande. Per me è l'anno zero, una rinascita. Non guardo al passato, voglio pensare al futuro", dirà all'indomani del ritorno sul rettangolo verde di gioco.

LA GRANDE OCCASIONE - Dopo cinque anni passati al Sassuolo da titolare inamovibile, Acerbi sente la necessità di cambiare aria. Alla sua porta bussa la Lazio, l'occasione di una vita. Chiamato per difficile ruolo di sostituto di de Vrij, l'11 luglio del 2018 viene ufficializzato nel club capitolino per una cifra intorno ai dieci milioni di euro. Il classe '88, in pochi mesi, non solo ha fatto dimenticare in fretta l'olandese, ma si è anche conquistato la fiducia di tifosi ed addetti ai lavori, imponendosi in tempi record come nuovo leader del tridente difensivo biancoceleste. Un campione dentro e fuori dal campo, esempio di come la vita toglie, ma a volte restituisce.

GIÀ LEADER - Pedina ormai insostituibile per la Lazio, Acerbi non riposa da tre anni: 11610 minuti totali di esperienza, grinta, cuore e sudore messi a disposizione nelle ultime 130 presenze. Segno di come a Francesco, in campo, non si possa proprio rinunciare.  Lo sa bene Inzaghi, che lo ha sempre impiegato dal suo arrivo a Roma; nell'ultimo impegno in Serie A contro l'Udinese, il difensore ha messo ha segno la sua prima rete in biancoceleste, vincendo anche quattro duelli aerei e completando il 93.6% di passaggi: insomma, una certezza.

IL PRIMO DERBY - A questa certezza Inzaghi continuerà ad affidarsi anche in occasione della prossima sfida di campionato contro la Roma. A trent'anni compiuti, il calciatore si prepara a vivere il suo primo derby da protagonista, consapevole di come questa gara non sia come tutte le altre: "È una sfida molto importante per Roma, i tifosi ci tengono tantissimo. Onorerò al massimo la maglia”, promette. Acerbi si è già preso la Lazio.

Alessandra Marcelli

, ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram