SEVILLA FC, storia del più antico club di Spagna: dal record in Europa League alla tragedia di Puerta

Pubblicato 
sabato, 16/02/2019
Di
Redazione Lazionews.eu
Tempo di lettura: 2 minuti

SEVILLA, STORIA DEL CLUB - Il Sevilla Fútbol Club, conosciuto semplicemente come Sevilla (in italiano Siviglia) è il più antico club di Spagna. Il simbolo del club è uno scudo svizzero che presenta 4 raffigurazioni: sono raffigurati i 3 santi della città andalusa, San Isidoro, San Fernando e San Leandro, i quali sono presenti anche nello stemma della città, e le 3 lettere (S, F e C) che stanno per Sevilla Fùtbol Club. In posizione centrale, è visibile un “balón leonado”, un pallone di cuoio. Nella parte inferiore, sono visibili 6 fasce verticali bianche che si alternano a 5 fasce verticali rosse, ad indicare i colori sociali del club. Il vecchio inno risale al 1983, ma nel 2005 il cantautore El Arrebato, compose l'inno del centenario del Sevilla FC, che in breve tempo arrivò a essere il singolo più venduto in Spagna, e quinto nella classifica annuale. Ben presto il singolo di El Arrebato è diventato l'inno del club, risultando fra l'altro come il più venduto in tutta la storia del calcio spagnolo. 

LO STADIO e I TIFOSI - Il Siviglia gioca le partite casalinghe nello stadio Ramón Sánchez Pizjuán, un impianto che può contenere fino a 42.714 spettatori. I giocatori ed i tifosi, chiamati solitamente  Rojiblancos, vengono soprannominati anche Nervionenses, visto che lo stadio biancorosso è ubicato nel quartiere di Nervión. Il motto degli ultrà è: "Hasta la muerte", che vuol dire "fino alla morte".

IL RECORD IN EUROPA LEAGUE - Nel palmarès del club figurano un campionato spagnolo (1945-1946), cinque Coppe del Re (1935, 1939, 1947-1948, 2006-2007, 2009-2010) e una Supercoppa spagnola (2007). In ambito internazionale, ha vinto cinque Coppe UEFA/Europa League (2005-2006, 2006-2007, 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016), record nella competizione, e una Supercoppa UEFA (2006).

LA TRAGEDIA DI PUERTA - Il 25 agosto 2007, il giocatore del Siviglia Antonio Puerta perde conoscenza in campo durante la partita contro il Getafe, colpito da un arresto cardiaco. A causa di un peggioramento dovuto a un'encefalopatia post anossica, Puerta muore alle ore 14:32 del 28 agosto nell'ospedale Virgen del Rocío di Siviglia, all'età di 22 anni. Al suo funerale, partecipano molti club europei, tra i quali anche il Milan, squadra che il venerdì successivo il Siviglia avrebbe dovuto affrontare nella Supercoppa Europea.

FRATELLI E RIVALI - La rivalità tra Sevilla e Betis è considerata una delle più grandi rivalità del mondo calcistico. Questa rivalità è molto sentita e il verde e rosso (i colori dei due club) sono anche i colori delle tende della Feria de Abril o le tradizionali sedie flamenche. Lo spettacolo sugli spalti durante le partite è formidabile. Che si tratti del Sánchez Pizjuán o del Benito Villamarín, non cambia nulla. Inoltre esistono molti circoli dell’una o dell’altra squadra che sostengono tutta questa passione all'interno del tessuto sociale del quartiere.

Michela Santoboni


Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram