lazionews-lazio-atalanta-milinkovic-sergej
Foto LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

NUMERI CURIOSITA’ LAZIO ATALANTA MILINKOVIC ACERBI – Dopo la convincente vittoria all’esordio sul campo del Cagliari per 2-0, la Lazio è attesa dalla prima sfida casalinga della stagione. Mercoledì 30 settembre, allo stadio Olimpico arriva l’Atalanta, per recuperare il match della giornata inaugurale di Serie A. L’undici di Gasperini è ripartito nel migliore dei modi, confermando i numeri dell’anno passato. Siamo solo all’inizio, ma Lazio-Atalanta è già un primo esame importante per i biancocelesti. Simone Inzaghi non batte i nerazzurri all’Olimpico dal 15 gennaio 2017 (Lazio-Atalanta 2-1, Immobile e Milinkovic i marcatori). Poi una sconfitta e due pareggi, l’ultimo lo scorso ottobre, quando i capitolini, sotto 0-3, rimontarono nella ripresa, concludendo la partita sul 3-3. L’incontro ha un esito impronosticabile, ma la sfida si preannuncia ricca di gol e spettacolo. E in casa Lazio, contro l’Atalanta, i fari sono puntati su Sergej Milinkovic, Felipe Caicedo e Francesco Acerbi.

Milinkovic, l’Atalanta è un avversario speciale

Le uniche certezze, al momento, possiamo ricavarle solo dai numeri e dalle statistiche. E i dati ci portano a parlare di Sergej Milinkovic. Il serbo, nel pieno dei suoi 25 anni, si prepara ad affrontare una delle sue prede preferite. La sua importanza nello scacchiere di Simone Inzaghi è ormai nota a tutti. Il Sergente è il punto di riferimento sui lanci lunghi, rifinisce l’azione e sa essere letale con i suoi inserimenti. E l’Atalanta sembra soffrirlo particolarmente. La squadra di Gasperini, infatti, è la vittima preferita del serbo in Serie A. Milinkovic ha giocato contro i nerazzurri 9 volte, collezionando 3 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte. In questi precedenti ha realizzato 5 gol e 1 assist. Il primo arrivò all’Olimpico, il 15 gennaio 2017 (Lazio-Atalanta 2-1), poi l’anno successivo mise a segno una doppietta a Bergamo nel pirotecnico 3 a 3 del 17 dicembre 2017. L’ultima rete, invece, coincide con la più importante da quando è arrivato a Roma, ovvero quella della Finale di Coppa Italia di due stagioni fa. Numeri importanti, ma Milinkovic non segna in campionato (e in casa) alla Dea da ormai tre anni e allo stadio Olimpico ha siglato solo una delle reti rifilate in totale ai nerazzurri. Contro il Cagliari è stato uno dei migliori in campo, andando anche vicino al gol con una conclusione da fuori area. Ora c’è voglia di buttarla dentro. L’ultima marcatura in Serie A risale al 26 luglio scorso (Hellas-Lazio 1-5).

Da Caicedo ad Acerbi: la Lazio ha i suoi talismani e tabù da sfatare contro l’Atalanta

Per fare gol serve chi fornisca assist, e a tal proposito ecco accorrere in aiuto della Lazio Felipe Caicedo. L’ecuadoriano, in sette precedenti contro l’undici di Gasperini, ha segnato un solo gol, ma confezionato ben 3 assist. Contro nessuna squadra in Serie A, l’attaccante ha numeri migliori. Gol di Milinkovic su passaggio vincente di Caicedo: uno scenario su cui i bookmakers potrebbero scommettere. Il Panterone dovrebbe partire dalla panchina, lasciando spazio dal primo minuto a Joaquin Correa. Ma l’esperienza del numero 20 potrebbe risultare decisiva nella fase conclusiva del match. Da menzionare, infine, c’è anche Francesco Acerbi. I bergamaschi sono la squadra più affrontata dal calciatore in Serie A. 17 i precedenti, ma non piacevoli: appena 2 le vittorie, a fronte di 7 pareggi e 8 sconfitte. Da quando veste la casacca biancoceleste, inoltre, Acerbi non ha mai battuto la Dea in campionato (2 pareggi, 2 sconfitte), ma ha superato i nerazzurri nella Finale di Coppa Italia di due anni fa. Adesso è arrivato il momento per la Lazio (e Francesco Acerbi) di battere l’Atalanta.

Marco Barbaliscia

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.