IRRIDUCIBILI COMUNICATO – A seguito dei fatti dell’Olimpico di lunedì sera, nel match casalingo contro il Torino, gli Irriducibili tornano a farsi sentire con un comunicato.

IL COMUNICATO – “Una chiamata alle armi, come i vecchi i tempi. Adesso basta, non ci sono più giustificazioni. Chi vuole bene alla Lazio deve essere presente. Allo stadio, ma anche domani alle 16 a Formello per far sentire la vicinanza a questi ragazzi, al mister e alla società. Soprattutto per gridare il nostro sdegno contro questo sistema marcio che, ancora una volta, sta dimostrando di non volere la nostra Lazio tra le prime posizioni in classifica. Noi siamo quelli che ci siamo presi una scudetto davanti a via Allegri e siamo gli stessi che non rimarremo impassibili davanti a questa vergogna che fa del calcio non più uno sport, ma un meccanismo marcio e perverso. Il laziale si vede nel momento del bisogno? Bene, adesso è l’ora di dimostrarlo. Saremo più forti del nostro destino”. Firmato: Irriducibili.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

1 commento

  1. non vi ho sentiti indignati quando la FIGC vi tenne in Sewrie A dopo le intercettaziioni di calciopoli …. eppure li era ancora piu grave ed il marcio era sicuro, ora è solo una vostra illazione …

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.