Anastasi: “La Lazio deve tornare a segnare: Caceres lo vedo titolare e proverei Correa e Rossi”

LAZIO INTERVISTA ANASTASI – La stagione della Lazio è cominciata domenica scorsa contro il Frosinone: questa frase l’hanno pensata tanti tifosi biancocelesti e la fa sua anche Filippo Anastasi. Il noto giornalista è intervenuto ai microfoni del canale tematico della società per commentare l’inizio di stagione dei capitolini e dire la sua su alcune scelte di Inzaghi che non lo hanno convinto. Queste le sue dichiarazioni.

INIZIO STAGIONE – “Il campionato della Lazio è iniziato domenica. Però dobbiamo tornare a segnare. Il problema è che non spingiamo sulle fasce. Siamo sempre stati abituati a fare tanti gol, improvvisamente non la buttiamo più dentro. Luis Alberto ha ritrovato la via della porta, anche Milinkovic mi pare in continua crescita”.

LE SCELTE DI INZAGHI – “Non capisco perché il mister non faccia giocare alcuni uomini: Caceres io lo vedo titolare, potrebbe far accomodare in panchina Marusic. L’uruguaiano è più dinamico e spinge di più, lo abbiamo già visto. E se Correa non lo provi con il Frosinone, quando lo vedremo? Anche perché è stato l’acquisto più importante. Ora arriveranno molte partite da giocare e ci saranno da fare delle scelte. Sicuramente Inzaghi può contare su un centrocampo eccezionale, e anche in difesa ha delle alternative valide”.

ATTACCO LAZIO – “In attacco non siamo messi bene, bisognerà contare sempre e solo su Immobile. Però proverei anche Rossi, ha fame di gol e sono certo che darà delle belle soddisfazioni. Con avversari non troppo impegnativi, si potrebbe far entrare per farlo giocare”.

MARSIGLIA – “Partita difficile, ma non è aria di derby. Cercano solo di provocarci, non dobbiamo cadere nella trappola”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.