MONDIALI 2018. Mancini: “Favorito il Brasile, noi pronti tra quattro anni per competere con le altre”

ITALIA MANCINI MONDIALI – Dopo il fallimento di Ventura e della sua Nazionale, è stato chiamato per risollevare le sorti dell’Italia che non mancava la partecipazione al Mondiale da sessant’anni. Roberto Mancini, nuovo allenatore azzurro è intervenuto ai microfoni di ‘Radio Anch’io’ per parlare del Mondiale in corso e della sua Nazionale che verrà.

IL MONDIALE IN RUSSIA – “Sono le prime partite e tutte le grandi hanno incontrato difficoltà. Mi sembra abbastanza normale per la prima giornata. Chi trionferà? Penso che possa vincerlo il Brasile, è una squadra quadrata, tecnica e veloce, ma occorrerà vedere dopo il primo turno chi riuscirà a passare alla fase finale. Credo che tutte le squadre favorite alla fine passeranno i rispettivi gironi”.

ITALIA ALL’ALTEZZA –“Italia al livello delle squadre presenti al Mondiale? Tra quattro anni spero di sì, abbiamo un po’ di tempo per mettere a punto una squadra che possa fare bene e andare all’Europeo. Credo che in 4 anni una squadra possa migliorare tanto. Nelle ultime convocazioni mancavano almeno 5-6 giocatori per infortunio che verranno chiamati. La speranza è quella che il campionato ci dia qualche novità importante. Se ci sarà, noi saremo ben felici di accoglierla. Barella e Cutrone potrebbero essere chiamati per vederli dal vivo. Spazio per i veterani? Chi in nel momento delle convocazioni starà bene e giocherà bene, non vedo perché non debba essere chiamato. I giocatori esperti aiutano anche questa Nazionale che è giovane. Per certe partite ci vorranno sicuramente”.

NATIONS LEAGUE  – “Io sono abituato a pensare positivamente e non penso questo. Non penso che siamo inferiori al Portogallo e alla Polonia. Se noi lavoreremo bene potremo fare meglio. Il Portogallo ha un attaccante che vince le partite da solo, ma dovremo fare attenzione. Cosa avrei fatto per non perdere i Mondiali? Questo è il nostro lavoro, quando le cose vanno male è sempre colpa dell’allenatore. Non penso che Ventura abbia tutte le colpe, in campo ci sono andati i calciatori. Dovremo rimboccarci le maniche”.

CAPITOLO PORTIERE – Per quanto riguarda i portieri non dovremmo avere troppi problemi, in tutti i sensi. I ragazzi sono bravi e ho un altro paio di portieri in mente. Noi prendiamo in esame tutti i giocatori che giocano e giocano bene. Dobbiamo pensare però anche al futuro. Chi sarà il titolare? Innanzitutto spero che i miei portieri siano tutti titolari nelle loro squadre di club, anche Donnarumma e Perin, sono sicuro che giocheranno. Nelle prime partite li ho alternati per conoscerli meglio. Un conto è vederli da fuori e un conto è vederli in campo”.

VAR – “Penso che abbia migliorato il calcio e che abbia risolto molti problemi. Si può ancora migliorare. Io non ero molto positivo all’inizio, ma mi pare che di problemi ne abbia risolti abbastanza”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.