Lazio - Midtjylland, le parole di Sarri in conferenza stampa

Pubblicato 
giovedì, 27/10/2022
Di
Andrea Castellano
lazionews-lazio-midtjylland-sarri-conferenza-stampa
Tempo di lettura: 3 minuti

LAZIO MIDTJYLLAND SARRI CONFERENZA STAMPA - Le parole di Maurizio Sarri in conferenza stampa dopo la vittoria contro il Midtjylland in Europa League.

LEGGI ANCHE ---> Lazio, le parole di Sarri nell'intervista

Lazio - Midtjylland, le parole di Sarri in conferenza stampa

“Completamente imperturbabile probabilmente no, 6-7 minuti dopo il gol qualche ripercussione. Poi abbiamo ripreso la partita in mano, abbiamo cominciato a palleggiare sempre e con più tranquillità, questo mi ha portato a prendere in mano la partita, a produrre. Il rammarico è che sia finita solamente 2-1. L’avremmo potuta chiudere più largamente e prima”.

Sui giovani

"Cancellieri ha fatto bene, ha un percorso in cui ha fatto l’attaccante centrale due mesi e mezzo e dieci anni come esterno. Normale sia più a suo agio come esterno. Felice ce lo metto sempre volentieri, soprattutto quando ci sono centrali con quelle caratteristiche. Non ti dà punti di riferimento. C’erano spazi di inserimento incredibili a fine partita. Dei ragazzi giovani sono contento. Marcos è stato coinvolto nell’epsiodio del primo gol, poi ha iniziato a palleggiare con sicurezza. Luka Romero è entrato indiavolato".

Su Zaccagni

"Non lo so. È importante, ora anche in buone condizioni mentali. Si sente in fiducia. Da lui pretendo la doppia cifra, altrimenti è uno spreco di talento".

Sulla partita della squadra

"È una squadra che sta mettendo in campo qualità tecniche e mentali. Sono sempre della mia idea… un mese riesce a tutti. Poi si va a sei mesi e riesce a 3/4. Si va a 11 mesi, riesce solamente uno. Essendo alla fase in cui riesce a tutti, siamo sereni".

Sul cambio Felipe - Cancellieri

"Si stava valutando quest’opzione con Martusciello. Volevamo portare a giro i due centrali con facilità, era meglio con Felipe".

Sulla mentalità della squadra

"La squadra ha un’identità più marcata rispetto al passato, ci si aggrappa nei momenti di difficoltà, e non più solo alle individualità. Questo gli dà certezze in più. Il collettivo è l’esaltazione dei singoli. In questo momento hanno fiducia in quello che stanno facendo, nei momenti di difficoltà si riportano a ciò che fanno in allenamento. Mi sembrano cresciuti anche in allenamento, lo devo dire. Tutto ciò deve durare mesi, la mentalità la misuri col tempo. Quella vera la misuri nel tempo".

Riguardo il campo

"Palleggiare qui molto più difficile di palleggiare a Bergamo. I margini d’errore sono feroci. Questo è un problema strutturale, ringrazio però tutti i ragazzi che stanno lavorando. Il calcio che piace a noi qui dentro è difficile".

Su Immobile

"Sta molto meglio, penso che abbia un controllo lunedì. Ha cominciato a lavorare un’acqua. Penso che se il controllo andrà bene, si intensificheranno i lavori e lì si capirà il quadro della situazione per parlare di tempi di recupero con più certezza. Evoluzione positiva. Al momento stiamo facendo bene senza di lui, meglio però se torna Ciro".

Sull'Europa League

"Ci devi tenere per forza. Il calendario è mostruoso, ti porta di continuo a fare delle valutazioni. Cose che io odio, mi piacerebbe fare le partite ogni volta come se fosse l’ultima. Togliere gli ultimi 15’ a un giocatore sono pochi ma gli alleggerisci i tempi di recupero di diverse ore. Sono cose da valutare, che mi piacerebbe non valutare. Sono considerazioni che, visto il calendario, bisogna fare. Oggi abbiamo cambiato 5/6 giocatori, la stesa cosa dobbiamo fare domenica giocando dopo 72 ore. Nel calcio attuale, devi avere 25 giocatori di pari livello. Difficile per motivi economici e per problemi di lista. In Europa ci fanno fare Il FairPlay finanziario ma poi c’è la lista. Complimenti!"

Sugli arbitri

"Non li considero né italiani né stranieri, li considero buoni o scarsi. Le ultime due partite in Europa abbiamo beccato due scarsi".

Su Luis Alberto

"Non lo vedo efficace in allenamento. Spero di vedere cose diverse nei prossimi giorni, domenica ne avrei tanto bisogno"

Riguardo Basic e Vecino

"Basic ha fatto una partita bella, pulita. Vecino è un multiuso, è uno che se c’è da andare all’arrembaggio per vincere, è perfetto. Se c’è da stare in trincea, fa legna. Ha fisicità, ha intensità, aggressività. Per noi è un giocatore importante. Sta facendo bene, lo conoscevo quand’era giovane, mi aspettavo che continuasse così".

, ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram