Tempo di lettura: 2 minuti

NOTIZIE LAZIO – La Lazio al secondo posto, ambizioni Champions che riprendono quota. La stagione biancoceleste sembra aver incontrato un punto di svolta, con un Felipe Anderson in queste condizioni non è difficile. Il ritorno di Biglia, faro del centrocampo, e la saggia guida del tecnico Pioli. Marcello Lippi ne è convinto, per lo scudetto c’è anche la squadra capitolina. L’ex ct azzurro, intervenuto ai microfoni de I laziali sono qua, ha rivelato anche un retroscena sul suo passato vicino alla panchina biancoceleste.

Sul campionato. “Dopo anni di dominio della Juventus, che aveva facilmente preso il largo nelle precedenti stagioni, quest’anno ci sono tante squadre in grado di poter puntare al vertice e c’è un grande equilibrio, il che rende il torneo molto appassionante. Ci sono stati anche recuperi importanti nelle ultime giornate da parte delle grandi squadre, con la stessa Juventus che sta risalendo grazie al recupero di Khedira e Marchisio e la Lazio che si è rilanciata fino al secondo posto. Mancano ancora tantissime giornate da affrontare e la situazione è più che mai aperta. A due punti dal primo posto, anche la Lazio ha il dovere di pensare allo Scudetto”.

Su Marchetti e Candreva. “Marchetti è un ottimo portiere. Avevo avuto modo di dargli fiducia nel Mondiale del 2010 per l’infortunio di Buffon. Anche se al momento non è nel giro della Nazionale, lo ritengo un portiere molto affidabile. Ricordo che ai tempi chiamai anche Candreva che allora giocava nel Livorno. Ero convintissimo delle sue qualità e sono felice che le abbia dimostrate in biancoceleste”.

Su Stefano Pioli. “Mi piace molto, è un tecnico che racchiude tutte le caratteristiche che io ritengo indispensabili in un allenatore. Non mi sembra fissato sui moduli, è una persona concreta e pacata che trasmette serenità e che crede moltissimo nei frutti del lavoro”.

Sulla possibilità di allenare la Lazio. Sono stato vicino alla Lazio sia ai tempi di Cragnotti, sia ai tempi di Lotito. Con Cragnotti venni a Roma, passammo una serata insieme, ma lui tentennò e alla fine mi accordai con l’Inter. Con l’attuale presidente ci fu un contatto concreto poco prima della mia avventura cinese. Mi ero già accordato col Guangzhou e non me la sentii di venir meno alla parola data, ma fosse stato per Lotito e senza l’intesa coi cinesi, sarei approdato alla Lazio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!