CALCIOMERCATO

26 maggio, è il giorno dei giorni: otto anni dopo altra data da ricordare?

- Advertisement -
Tempo di lettura: 2 minuti
- Advertisement -

LAZIO 26 MAGGIO LOTITO INZAGHI – Chissà che forse gli Dei del calcio non abbiano in mente un diabolico disegno attorno alla data del 26 maggio. Oggi, proprio oggi, ricorre l’ottavo anniversario del giorno più felice mai vissuto dal popolo biancoceleste: il trionfo in Coppa Italia contro la Roma griffato Lulic 71. Era il 2013: il 26 maggio è impresso nella mente di ogni tifoso laziale come una data paragonabile a quella del 9 gennaio 1900 – non vissuta sulla propria pelle da nessuno dei presenti però – o come quella del 14 maggio del 2000, giorno del secondo incredibile Scudetto. Ebbene oggi, 26 maggio del 2021, potrebbe essere ricordato come il giorno del divorzio da Simone Inzaghi, uno degli allenatori più vincenti della storia laziale e condottiero amato dai tifosi. L’incontro definitivo con Lotito avverrà proprio oggi. Villa San Sebastiano o Formello, non è dato ancora di sapere con certezza. Quel che è sicuro è che oggi si conoscerà il destino della panchina laziale.

26 maggio: la resa dei conti tra Inzaghi e Lotito

Il calciomercato delle panchine ci ha ormai abituato a colpi di scena quotidiani. Prima l’annuncio a sorpresa di José Mourinho come tecnico della Roma. Poi Sergio Conceiçao che salta come allenatore del Napoli. Infine, e questo riguarda direttamente gli affari biancocelesti, l’ufficialità di Gattuso alla Fiorentina. Già, proprio Rino, il tecnico col quale Lotito stava intrattenendo colloqui come possibile successore di Inzaghi. O forse no. O forse è stata un’abile mossa di Lotito per mettere pressione all’allenatore piacentino. Il quale,a sorpresa, sembra non avere una vera e propria pretendente che lo pungola. Eppure Simone ha ottenuto risultati straordinari. E tutto sommato non chiede neppure tanto come ingaggio, se è vero come è vero che avrebbe accettato i 2,5 milioni annui proposti da Lotito fino a qualche settimana fa. Diciamo “avrebbe” perché poi anche il tecnico ha nicchiato sull’argomento. Ed ora l’offerta del patron, in assenza di Champions, dovrebbe anche essere inferiore: si parla di 2 milioni più bonus sul tavolo del rinnovo odierno. Il gioco delle parti, avvolto da un mistero degno di un thriller, è però sul punto di finire. Oggi sapremo la verità. Il popolo laziale spera di ricordare il 26 maggio del 2021 come una data da festeggiare…

- Advertisement -© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Latest Posts

APPROFONDIMENTI