lazionews-lazio-immobile-ciro-esultanza
Foto LaPresse
Tempo di lettura: 3 minuti

IMMOBILE LAZIO RECORD GOL – La favola biancoceleste di Ciro Immobile si colora di un nuovo e strabiliante capitolo. L’attaccante della Lazio non tradisce le aspettative e si prende la scena nella sua città, quella Napoli che lo ha sempre affascinato, ma calcisticamente mai valorizzato. Nella notte dell’ultima giornata di campionato, al San Paolo, il numero 17 segna un gol importante per se stesso, meno per la sua squadra. La formazione di Simone Inzaghi è uscita sconfitta per 3-1, ma l’attaccante ha portato il suo bottino di reti stagionali in serie A a quota 36 gol. In 37 partite. Ciro Immobile ha così eguagliato un altro record, quello di reti segnate in un singolo campionato, da Gonzalo Higuain. L’argentino aveva raggiunto il record di 36 gol nello stesso stadio, con la maglia del Napoli, appena quattro anni fa, siglando una tripletta contro il Frosinone.

Dal record di Higuain alla Scarpa d’oro: i numeri di Ciro Immobile

Trentasei gol. Scandire bene le lettere di questa cifra così imponente fa ragionare meglio sul capolavoro compiuto da Ciro Immobile. Per rendere ancor di più l’idea, si può aggiungere che nel nuovo millennio, ovvero dalla stagione 1999-2000, solo cinque giocatori erano riusciti a siglare almeno 36 gol in un singolo campionato europeo. Parliamo di Cristiano Ronaldo, Gonzalo Higuain, Zlatan Ibrahimovic, Lionel Messi e Luis Suarez. Il laziale entra di diritto nell’Olimpo dei bomber nell’anno in cui celebra anche la vittoria della Scarpa d’oro, il trofeo individuale più ambito dopo il Pallone d’Oro. Ciro Immobile si è aggiudicato il titolo di bomber europeo, riportando l’oggetto in Italia 13 anni dopo Francesco Totti. Il laziale è il terzo italiano a vincerla dopo Luca Toni (2005-06) e, appunto, l’ex capitano giallorosso (2006-07). Negli ultimi tredici anni, poi, il trofeo era sempre stato vinto alternativamente da Messi (6 volte) o Cristiano Ronaldo (4 volte). Solo in tre occasioni si era interrotto il dominio di questi due grandi campioni (Diego Forlan 2008-09, Luis Suarez 2013-14, 2015-16).

Immobile in gol contro tutte le squadre di serie A, tranne la Roma

Il campionato da record di Ciro Immobile è finito come era iniziato. Alla prima giornata, contro la Sampdoria, il numero 17 aveva siglato i primi due gol stagionali nello strabiliante 0-3 biancoceleste. L’attaccante ha segnato un gol a tutte le squadre di serie A, esclusa la Roma, contro la quale però ha confezionato uno dei 9 assist stagionali nel derby d’andata finito 1-1. Due le triplette (contro Sampdoria ed Hellas Verona), sette le doppiette. Immobile si è guadagnato anche il primato di numero di reti segnate in trasferta (17) in una singola stagione superando Ibrahimovic (2011-12, 16 gol). Infine Ciro ha stabilito anche il record di gol su calcio di rigore. 14 reti dal dischetto lo consacrano come il giocatore con il maggior numero di penalty realizzati in una singola stagione. 

Foto LaPresse

Immobile nella storia della Lazio

Ciro Immobile si è laureato capocannoniere della serie A per la terza volta, la seconda da quando veste la maglia della Lazio. E’ il primo in Italia a vincerlo per tre volte con due squadre diverse. L’attaccante è nella storia del club biancoceleste. Da quando è arrivato nella capitale (2016-17) ha siglato 103 reti in serie A. Il migliore, alle sue spalle Mertens (71) e Dzeko (70). Quello di Immobile è il decimo titolo di capocannoniere di un giocatore della Lazio, superata la Roma, ferma a nove. In soli quattro anni ha raggiunto la strabiliante cifra di 125 gol realizzati, superando Giorgio Chinaglia e Bruno Giordano e attestandosi al terzo posto tra i bomber di sempre. Al primo posto c’è Silvio Piola (159), al secondo Beppe Signori (127). Il numero 17 è anche il miglior marcatore del decennio (2010-20): 135 reti. Dietro di lui Higuain (125) e Icardi (121). Tra i rigoristi biancocelesti, poi, Ciro Immobile ha raggiunto Giorgio Chinaglia con 35 penalty realizzati. Il leader resta Beppe Signori, fermo a 38. A 30 anni, Immobile ha ancora tutto il tempo per aggiornare numeri e statistiche che già lo consacrano tra i migliori bomber della storia del calcio. La Lazio è pronta a blindarlo con un rinnovo di contratto, al momento in scadenza nel 2023. Come ammesso dal ds Tare, la squadra del futuro ruoterà intorno all’attaccante dei record. Impossibile immaginare una Lazio senza Ciro. O Ciruzzo, come hanno imparato a chiamarlo i tifosi laziali. ‘O scugnizzo nnamurato diventato grande lontano dalla sua Napoli, ma consacratosi proprio nello stadio dove da bambino sognava di raggiungere questi livelli.

Marco Barbaliscia

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.