Tempo di lettura: 2 minuti

L’AVVERSARIA: IL CESENA – Finite le “guerre puniche” la Lazio di Pioli, ancora protagonista della lotta al terzo posto, parte verso la Romagna per la sfida di domenica pomeriggio contro il CESENA. I bianco-neri stanno vivendo un campionato difficile, in fondo alla classifica, impegnati nella lotta per raggiungere la salvezza. Arrivano da una vittoria nello scontro diretto contro il Parma – si tratta della seconda vittoria in campionato, la prima arrivò proprio contro i gialloblu nella prima giornata della stagione.

STAGIONE DIFFICILE – Il morale nell’ambiente del Cesena non è certo dei migliori, solo 12 punti in 20 partite, con una media di 0,6 punti a partita. Se dovesse continuare con questo passo arriverebbe a quota 23 punti; l’anno scorso il Catania, terzultimo, è retrocesso con 32 punti. Le cose devono cambiare al più presto se si vuole sperare di giocare anche il prossimo campionato di serie A. La vittoria contro il Parma ha di certo portato un po’ di aria fresca nel centro sportivo di Celletta, lì dove si allena la prima squadra, ma il calendario riserva a DI CARLO e i suoi un turno molto complicato: a Cesena arriva, infatti, la Lazio di Pioli, una delle squadre più in forma del campionato. Probabilmente il peggior avversario che in questo momento potesse arrivare al Manuzzi, esclusa la Juventus. L’ultima vittoria dei romagnoli contro i bianco-celesti risale alla stagione 2010/2011, quando Parolo – ora protagonista nelle fila del club capitolino – regalò i tre punti alla sua squadra con una bordata dai 35 metri che si andò a infilare sotto il sette del palo lontano difeso da Muslera.

PROBABILE UNDICIDomenica in campo dovrebbe scendere la stessa formazione che ha battuto il Parma nello scontro diretto, con un’unica differenza: De Feudis in ballottaggio con Cascione in cabina di regia. Defrel e Djuric comporranno la coppia d’attacco, alle loro spalle giocherà Brienza. Confermata in blocco la linea difensiva.

CESENA (4-3-1-2): 1 Leali; 24 Perico, 6 Lucchini, 15 Krajnc, 33 Renzetti; 5 Giorgi, 34 Cascione, 56 Pulzetti; 11 Brienza; 18 Djuric, 92 Defrel.
A disposizione: 30 Agliardi, 81 Bressan, 2 Nica, 25 Capelli, 14 Volta, 17 Magnusson, 8 De Feudis, 7 Carbonero, 77 Zè Eduardo, 44 Cazzola, 9 A. Rodriguez, 32 Moncini.
Indisponibili: Marilungo, Tabanelli, Valzania, Succi.
Diffidati: Lucchini, Perico, Volta, Renzetti.
Allenatore: Di Carlo.

Francesco D’Andrea

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!