LAZIO-REJA, ‘che ne sarà di noi’: oggi possibile vertice decisivo. Tutto ancora in ballo, ma serve un progetto forte

INDISCREZIONE LAZIONEWS.EU- Reja e la Lazio, un passato già scritto e un futuro ancora da decifrare. Una seconda parte di stagione da incorniciare per media punti, una stagione da dimenticare per lo stesso motivo. E’ il paradosso biancoceleste di quest’anno, condizionato dall’appagamento post 26 maggio. Il furlan è (ri)arrivato all’alba del 2014, ha lottato, conquistato 36 punti in 20 partite ma non è bastato per il miracolo Europa League. Le voci in casa Lazio, da Tare a allo stesso Reja, si sono preoccupate di confermare l’ex mister del Napoli anche per il prossimo anno, ma niente è così scontato. Incombono le ombre di Mihajlovic e Yakin.

TUTTO RINVIATO- Per la giornata di ieri si parlava di un incontro, un vertice societario per stabilire il futuro. Un incontro che, secondo indiscrezioni raccolte dalla nostra redazione, non c’è stato, ma che potrebbe avvenire oggi. Il mister sarà infatti a Formello, occasione perfetta per parlare in maniera più che approfondita. “Dovremo confrontarci nei prossimi giorni”, ha detto più volte Reja. Sarà un summit intenso, prima di prendere alcuna decisione entrambe le parti vogliono valutare con certosina attenzione ogni tema, ogni aspetto dal mercato, alla rosa attuale fino all’ambiente. Proprio su quest’ultimo discorso si focalizzeranno allenatore e società: è opinione comune che senza compattezza di tutto l’ambiente è assai complicato gettare le basi per un futuro produttivo. Per questo motivo il vertice che potrebbe aver luogo domani sarà decisivo. Una valutazione che andrà fatta a 360 gradi e che potrebbe portare tranquillamente al prosieguo del rapporto, ma condicio sine qua non è la presenza di un progetto veramente forte. Il futuro è ancora un’incognita, tutto è ancora in ballo: che si aprano le danze.

Francesco Iucca

TWITTER: @francescoiucca

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.