lazionews-empoli-belleri-manuel
Foto LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

BELLERI LAZIO – La stagione 2019-20 ha portato alle conferme nell’elite del calcio italiano di Lazio ed Atalanta. Le due società hanno chiuso a quota 78 punti, macinando record uno dopo l’altro. Nel corso della storia le due formazioni si sono anche scambiati tanti giocatori. Tra questi figura Manuel Belleri, ex terzino destro che in biancoceleste ha collezionato 46 presenze e 3 gol tra il 2005 ed il 2007. Al termine dell’esperienza nella capitale, il difensore fu ceduto in prestito proprio agli orobici. Ora Manuel, che ha smesso di giocare nel 2012, è un dirigente sportivo presso la scuola calcio del Milan a Tokyo. Belleri è intervenuto ai microfoni della radio del club per parlare della stagione della squadra di Simone Inzaghi.

Belleri sul campionato della Lazio

“La Lazio ha sfiorato lo scudetto, se non ci fosse stato il lockdown probabilmente avrebbe fatto qualcosa di straordinario. Ho vissuto le stesse sensazioni dei tifosi da lontano, peccato per l’interruzione del campionato. L’entusiasmo che si crea nell’ambiente è fondamentale, è uno degli ingredienti per il successo e l’allenatore e la squadra sono stati bravi a creare questa chimica”.

Il rapporto con Simone Inzaghi

“Con Simone abbiamo giocato al Lumezzane, all’Atalanta e alla Lazio. Ho sempre visto in lui le caratteristiche da allenatore. Era uno che andava allo scontro, ma in modo morbido per risolvere le cose. I grandi allenatori si dà per scontato che siano preparati tatticamente, quello che fa la differenza è la gestione dello spogliatoio che in Inzaghi ho sempre visto”.

Milinkovic e David Silva

“Mi ha stupito moltissimo Milinkovic che nonostante le tante voci di mercato ha avuto l’umiltà e la bravura di rimanere costante e riprendersi anche dopo un periodo non ai suoi livelli. Il prossimo anno in Champions può fare la differenza. David Silva sarebbe un colpo straordinario, creerebbe un ulteriore gap nei confronti delle squadre. Può giocare in qualsiasi ruolo davanti ed è abituato a scendere in campo nelle grandi partite. Cercherei di farlo stare il più possibile vicino ad Immobile.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.