INTERVISTA, Milinkovic: “Sono felice che Mourinho sia venuto a vedermi ma sono un giocatore della Lazio”

SERBIA MONTENEGRO INTERVISTA MILINKOVIC – La Serbia vince e convince anche con un Sergej Milinkovic in versione part-time. Nel sentitissimo derby disputato ieri a Podgorica contro il Montenegro, infatti, il laziale è stato tenuto in panchina sino al 79′ ma la squadra di mister Krstajić è riuscita comunque ad imporsi per 2 a 0. Una decisione che non avrà fatto felice Josè Mourinho, accorso sulle gradinate del ‘Pod Goricom’ per vedere giocare dal vivo uno dei suoi pupilli. Al termine del match Milinkovic è stato intervistato anche su questo dai media locali: queste le sue dichiarazioni.

VOCI DI MERCATO – “Sono un giocatore della Lazio, ma è ovvio che mi abbia fatto piacere che un allenatore del suo spessore sia venuto a vedere la partita. Se ha dato l’impressione di non essere d’accordo con la formazione iniziale potrebbe non essere a causa mia. Magari non era qui per me, ma per qualcun altro. Ho letto un po’ ovunque che fosse qui allo stadio per vedermi giocare, ma questo non significa nulla“. 

SERBIA-MONTENEGRO – “Non ho giocato dal primo minuto, ma non è stato un problema per me. Sapevo che prima o poi sarei entrato. Quando ho fatto il mio ingresso in campo ho aiutato la squadra a realizzare il secondo gol e così abbiamo portato a casa la vittoria. A differenza di ciò che si potrebbe pensare, non era assolutamente una sfida semplice. Mi è piaciuto il nostro atteggiamento, siamo entrati bene in partita. Il rigore è arrivato al momento giusto. Il Montenegro ci ha pressati per 20-25 minuti, ma siamo stati bravi a saper gestire il risultato“. 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.