azionews-lazio-roma-derby-26-maggio-lulic-gol
Getty Images
Tempo di lettura: 5 minuti

26 MAGGIO LULIC DERBY – La Lazio ha fatto la storia. Una data, quella del 26 maggio, che entra di diritto negli annali del calcio moderno: la Coppa Italia va ai biancocelesti, che la conquistano per la sesta volta (la seconda nell’era Lotito) e si aggiudicano anche l’ultimo posto per l’Europa.

26 Maggio 2013, la Lazio vince la Coppa Italia battendo la Roma nel derby in finale

Vince meritatamente la squadra di Petkovic ed è delirio all’Olimpico: la prima squadra della Capitale passa grazie al gol del 71′, minuto diventato icona, di Senad Lulic, giocatore emblema di un’impresa storica. L’immagine finale è quella del trofeo che a fine gara passa tra le mani di tutti, simbolicamente anche tra quelle dei tifosi. In campo c’è Toni Malco che canta l’inno “vola Lazio vola“, piangono d’emozione i protagonisti delle eroiche gesta. La scenografia della Nord viene portata sul manto erboso dell’Olimpico, entrano i centurioni, poi arriva Lotito che fiero sotto la Nord commenta: “Sempre più i primi della Capitale!”. 

ROME, ITALY – MAY 26: SS Lazio players celebrate the opening goal scored by Senad Lulic during the TIM cup final match between AS Roma v SS Lazio at Stadio Olimpico on May 26, 2013 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Lulic, eroe del 26 maggio

L’uomo che ha fatto gol alla storia è lui. Quel suo pallone rimarrà, immortalato, per sempre in fondo alla rete. Lo ricorderanno tutti, laziali e romanisti: Ha vinto la squadra più forte. Godiamo per questa vittoria”, ha commentato Senad a fine gara. Il bosniaco diventa in un attimo re a Roma senza aspettarselo: Questa vittoria non si dimenticherà mai perché è stata conquistata contro la Roma, una cosa incredibile. Il gol? Mi sono trovato al posto giusto nel momento giusto, ho visto Candreva sulla destra, mi sono inserito. E’ una rete indimenticabile, mi è capitata una cosa fantastica”. Lui, il “figlioccio” di Petkovic ( l’uomo che lo scoprì in Svizzera), ha regalato proprio al suo guru un posto tra gli indimenticabili. Il suo gol diventa il poster dell’apoteosi di una tifoseria, lo slogan del derby più importante della storia di Roma.

ROME, ITALY – MAY 26: Senad Lulic of SS Lazio celebrates after scoring the opening goal during the TIM cup final match between AS Roma v SS Lazio at Stadio Olimpico on May 26, 2013 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Il capolavoro di mister Petkovic

E’ stata la Coppa Italia di Vladimir Petkovic, un uomo capace di risollevare una squadra depressa dopo un non soddisfacente settimo posto in campionato. Il suo è senza dubbio un premio meritato: orgoglio e coraggio, pressing e organizzazione tattica, ma soprattutto capacità di soffrire nei momenti più critici. Il suo capolavoro resterà per sempre il 26 maggio: alla Lazio ha vinto subito, come Eriksson nel ‘98. “Sono molto soddisfatto, soprattutto per i ragazzi. Complimenti anche alla Roma, mi dispiace per loro, ma sono orgoglioso dei miei. Non eravamo brillantissimi, ma concentrati per vincere”, ha commentato. E’ la notte più bella: “Sì, è la soddisfazione più grande della mia carriera”.

ROME, ITALY – MAY 26: SS Lazio head coach Vladimir Petkovic celebrates with the trophy after winning the Tim cup final against AS Roma at Stadio Olimpico on May 26, 2013 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

La Nord vince il derby sugli spalti

“L’aquila è Roma, noi i suoi eredi…” . Il capolavoro dell’artista Disegnello in Nord accoglie le due squadre in campo. L’immagine rappresenta un legionario che tiene sottobraccio un giocatore laziale (pallone in mano). Di fronte la Dea Roma, che a lui consegna l’aquilifero: “Hic manebimus optime” (dal latino “qui staremo ottimamente”). In Tevere appare lo stemma della Capitale: “De te me ne rido! Me contento che te pieghi e t’inchini quanno passo…” , con le parole del celebre poeta romano Trilussa. E poi il rimando alle origini: “Conosci l’anno, non il mese, cosa certa è che sei abruzzese”. Infine la storia: “Di romanità continui a vantarti, non so più che farti… Sei nato in Abruzzo da una grande fusione, a Roma è la Lazio che la fa da padrone. La nostra lazialità sono anni che te fa scappà”.

Morning Glory, il derby più importante

Il match degli spalti l’hanno vinto senza dubbio i laziali, con la Nord che è stata il cosiddetto uomo in più: “Curva Nord 12, Curva Sud art. 9″. E’ scoppiato il boato all’ingresso della squadra, accompagnata da “Morning Glory”, la canzone degli Oasis scelta dai tifosi. La prima Curva della Capitale ha l’anima immortale dei padri fondatori. Il derby più importante, la Coppa Italia e la gloria eterna è biancoceleste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.
La nostra redazione nasce nel 2011, per la grande immensa passione per la Lazio che ci ha sempre guidato dalla nascita. Il nostro obiettivo è quello di rendere l'informazione biancoceleste libera da ogni tipo di commento e di opinione personale. A noi piace fare i 'cronisti', raccontare quello che vediamo, quello che ci viene detto attraverso le nostre esclusive, approfondire ogni tematica riguardante la prima squadra della Capitale. Il nostro slogan? "Lazionews.eu: la tua Lazio, in tempo reale". FORZA LAZIO!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.