Belleri: "Lazio? Mi aspetto molto da Romagnoli". E su Cancellieri...

Pubblicato 
martedì, 09/08/2022
Di
Emanuele Castellucci
lazionews-lazio-romagnoli-visite-mediche
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO INTERVISTA BELLERI - Manca sempre meno all'inizio del campionato di Serie A 2022/2023. La Lazio giocherà in casa contro il Bologna il 14 agosto alle 18:30. In vista di questa sfida, il doppio ex Manuel Belleri è intervenuto ai microfoni dei canali ufficiali del club biancoceleste.

Intervista Belleri: sulla sfida tra Lazio e Bologna

"L'inizio di stagione, come ogni anno, è sempre un'incognita. Dipende dalla preparazione fisica e da come arrivano le due squadre alla partita. A questo ci si aggiunge il caldo, visto che il campionato inizia molto presto quest'anno. Ho visto qualche partita del Bologna e ho notato che fa un po' più di fatica. Sono contento che Sinisa, che ho avuto a Bologna per qualche mese, sia tornato in campo. A lui faccio il mio in bocca al lupo. Per la Lazio sarà difficile, il Bologna è sempre stata una formazione difficile da affrontare, anche se come valori in campo sono diversi e se la squadra di Sarri dovesse scendere in campo con la giusta determinazione e con la voglia di fare, credo che non ci sia partita sula carta. Sul campo però tutto cambia".

Su Romagnoli e Cancellieri

"Io mi aspetto molto da Romagnoli, ha voluto la Lazio a tutti i costi, si è assunto una grande responsabilità e penso che avrà molta pressione, visto che è del posto e vuole far bene, ma lo vedo motivato. Anche Cancellieri secondo me può essere una sorpresa, l'ho seguito, ha grandissime qualità. Bisognerà valutare la disponibilità del calciatore a ritagliarsi il suo spazio quando li sarà concesso. Lui dovrà sfruttare le possibilità che avrà, penso non ci sia miglior allenatore di Sarri per approfittare dei momenti, l'allenatore ha sempre dimostrato di dare spazio a chi merita. Cancellieri vice Immobile? Penso che possa essere interessante, io stesso alla Lazio ho giocato molte partite alla Lazio, ma poche nel mio ruolo. La disponibilità del giocatore è importante, lui deve sapere che giocherà spezzoni di partita in quel ruolo, perché Immobile è un giocatore che offre continuità".

Sull'ossatura della squadra

"Il fatto che venga confermata l'ossatura dello scorso anno sia importante per aiutare anche i nuovi nell'inserimento nella squadra. Loro sanno bene la direzione verso cui la squadra deve andare e in questo modo possono aiutare anche chi ne ha bisogno, così da andare tutti per la stessa strada".

Su Casale

"Io penso che Casale sia un ottimo giocatore che si possa incastrare bene con Romagnoli. Durante la stagione ci sono molte partite e un allenatore ha la necessità di cambiare i giocatori, quindi la loro disponibilità dev'essere totale. Penso che alla fine una pausa faccia bene a tutti. Casale l'ho visto giocare lo scorso anno, ha fatto un ottimo campionato".

Sui laziali a Tokyo

"Io vivo a Tokyo per la scuola calcio (è direttore tecnico presso la scuola calcio del Milan, ndr) e ho incontrato un bambino che mi ha chiesto di Immobile. Ho trovato molte persone che conoscono e tifano Lazio, anche ristoranti dove sono tutti tifosi della Lazio. Espandere il brand in questi posti è importante, Tokyo è una città immensa, da 30 milioni di persone, sarebbe un'espansione importante. L'attenzione anche in questi paesi è importante".

Sul campionato di Serie A 2022/2023

"Spero sia un campionato pieno di sorprese, come lo scorso. Nella stagione passata il Milan non era la favorita, eppure ha vinto, faccio questo augurio anche alla Lazio. Ricordo che se non ci fosse stata la pandemia nel 2020 avrebbero vinto lo Scudetto. L'Inter sulla carta è la più forte, la Juve e il Napoli si sono rinforzate, ma di questi ultimi mi preoccupa la stabilità dello spogliatoio. Penso che sarà un campionato difficile per tutti, ma che non si deciderà sulla carta".

, ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram