CALCIOMERCATO

FOCUS | Milan-Lazio: aquile e diavoli pronti a sfidarsi per la testa della classifica

- Advertisement -
Tempo di lettura: < 1 minuto

NUMERI E CURIOSITA’ MILAN LAZIO – Archiviata la sosta delle Nazionali, Milan e Lazio sono pronte tornare in campo. Domenica a San Siro si attende un match che si prospetta spettacolare. Le due compagini, che fino ad ora hanno confezionato 14 gol in due gare (9 Lazio e 5 Milan), domenica 19 settembre alle 18:00 si sconteranno per tenere la testa della classifica. Tra le big, infatti, le squadre di Pioli e Sarri hanno vinto e convinto, ma ora è attesa la prima sterzata per lanciare un importante segnale al campionato.

La Lazio a Milano per ripetersi

San Siro per la Lazio è stato, ed è tuttora, un vero e proprio tabù quando ad attenderla c’è il Milan. Solamente sotto la guida di Simone Inzaghi, che ora vede lo stadio di Milano come sua seconda dimora, i biancocelesti sono riusciti a trionfare dopo 30 anni. Era il 3 novembre 2019 e la Lazio è riuscita a battere i diavoli grazie alle reti di Immobile e Correa. L’ultima vittoria dei biancocelesti, infatti, risaliva al settembre 1989, quando la squadra romana vinse grazie ad un autogol di Maldini. In tutta la sua storia, la prima squadre alla capitale in 78 gare ha ottenuto solamente 10 vittorie a Milano. Invece, sono 45 le sconfitte e 23 i pareggi in Serie A, con più del doppio dei gol siglati dalla formazione rossonera: 155 Milan e 75 Lazio. Il risultato più frequente è l’1-1 che si è verificato ben 9 volte. Ora spetterà a Maurizio Sarri ripetere l’impresa di Inzaghi: la sfida non può considerarsi decisiva, ma getterà le prime fondamenta stagionali. Lanciare un messaggio alle contendenti ed espugnare San Siro sarebbe il giusto modo per proiettarsi in campionato.

Giorgia Civita

LEGGI ANCHE —> FOCUS | Milan gruppo unito, coeso e di qualità

- Advertisement -© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Latest Posts

APPROFONDIMENTI