Sarri: "Midtjylland? Dobbiamo essere umili". E su Maximiano...

Pubblicato 
mercoledì, 14/09/2022
Di
Emanuele Castellucci
lazionewseu-lazio-feyenoord-conferenza-stampa-sarri
Tempo di lettura: 2 minuti

MIDTJYLLAND LAZIO CONFERENZA STAMPA SARRI - Domani, giovedì 15 settembre, la Lazio torna in campo contro il Midtjylland. Il match è valido per la seconda giornata di Europa League. Alla vigilia dell'incontro, Maurizio Sarri e Matias Vecino sono intervenuti in conferenza stampa.

LEGGI ANCHE ---> QUI FORMELLO| Sessione aperta per 15' ai media, ecco la rifinitura. Si ferma Basic

LEGGI ANCHE ---> Vecino: "Vedo tanto entusiasmo nei tifosi, c'è un grandissimo ambiente"

Conferenza stampa Sarri: sul Midtjylland

"Quest'anno hanno fatto una fase iniziale in tono minore, ma gira in Europa da anni, hanno pareggiato a Bergamo in Champions. Hanno perso la finale playoff  di quest'anno contro il Benfica, sono abituati a partite di questo tipo. I loro sono attaccanti insidiosi, quando rimangono dentro la partita riescono ad avere ritmo e mettere in difficoltà qualunque avversaria. L'umiltà è d'obbligo. Inoltre la nostra continuità al momento è a quattro giorni non avendo mai vinto tre partite di fila".

Sulla formazione

"Ci saranno cambiamenti? Abbiamo cambiato più in campionato che in coppa. È chiaro che un po' di alternanza va fatta, qui si va di fronte a due mesi in cui i ragazzi giocheranno ogni due giorni. Ora le squadre avranno tempo di lavorare, invece vanno con le nazionali. Saranno sottoposti a un numero di partite impressionanti. È spirito di sopravvivenza, non è turnover. Viene fuori in modo naturale, inutile programmare. Viaggiare a vista, chi è stanco sta fuori, chi sta bene gioca. Quindi è probabile che l'alternanza continuerà".

Sul fattore ambientale

"Lo stadio è piccolo ma di solito in Europa lo riempiono, la cassa di risonanza è di quelli grandi".

Su Maximiano

"Ha fatto bene, il dispendio fisico è minore. Verrà il momento di tutti, anche nelle ultime tre partite hanno giocato in 19 calciatori diversi. In questo momento la scelta è dovuta al non cambiare 80% del reparto. Facciamo continuare lui che è quello a meno livello di sforzo fisico".

Sulla crescita mentale

"Si misura sul lungo periodo, in allenamento li vedo concentrati con più stabilità rispetto all'anno scorso. Non abbiamo fatto neanche un mese di attività, la risposta arriverà con il tempo".

Su Cancellieri

"Sta abbastanza bene, non ha nessun risentimento muscolare, si sta allenando con continuità, sta trovando regolarità. Entra in tutte le partite. Molto più spazio di quanto non giocasse a Verona. Sono contento, è un doppio percorso, per lui potrebbe essere un problema. Vediamo domani, ma è sempre tenuto in considerazione".

Sulla differenza rispetto al suo Napoli

"Caratteristiche diverse rispetto al Napoli. Eravamo una squadra di palleggiatori, qui invece andiamo più in verticale".

Sugli infortunati

"Zaccagni necessita di terapie, lo abbiamo lasciato a casa. Basic non necessita di terapie, ma se la situazione è quella di stamattina non sarà della partita".

Sul pubblico dell'Olimpico

"Non siamo una squadra pronta per i traguardi massimali. Questo amore che ci fanno sentire intorno è bello, ci dà la sensazione di appartenere a qualcosa".

, , ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram