CALCIOMERCATO

La strategia di Sarri: la centralità dei big e l’arrivo di giocatori funzionali

- Advertisement -
Tempo di lettura: 2 minuti

LAZIO SARRI MERCATO – Maurizio Sarri non ama la ribalta. La sua storia personale, la sua lunghissima gavetta, parlano per lui. Il neo tecnico biancoceleste sta già lavorando nell’ombra per avere, come piace a lui, tutto sotto controllo. Idee chiare e strategie definite. Poche sorprese e poche improvvisazioni: del resto anche il ritardo nella firma sul contratto si giustifica con tutte le dovute messe a punto che Sarri ha preteso da Lotito prima di accettare l’incarico. Una delle garanzie chieste dal tecnico, ad esempio, è stata la permanenza dei big. Detto fatto. Addirittura l’allenatore ha chiamato personalmente Ciro Immobile e Francesco Acerbi per stimolarli nella nuova avventura con lui al comando. Indiscrezioni parlano anche di contatti avuti con Milinkovic-Savic e Luis Alberto, quest’ultimo partito ieri per due settimane di vacanza alle Maldive. Sullo spagnolo è forte l’interesse dell’Inter di Inzaghi, ma Lotito – già non esattamente ben disposto nei confronti del suo ex allenatore – non ha intenzione di tradire la parola data a Sarri. Che nel frattempo lavora alacremente con Tare per plasmare la nuova Lazio.

Il mercato della Lazio: Sarri è su tutti i fronti

Nell’incontro tenutosi nella casa toscana del Comandante – i cui contenuti sono stati ripresi dal Corriere dello Sport – si è fatto il punto della situazione sui possibili arrivi e sugli obiettivi di mercato raggiungibili. In difesa sono un po’ in ribasso le quotazioni di Maksimovic, mentre prende quota l’idea Nuno Tavares. L’arrivo di Hysaj, fedelissimo di Sarri è in stand-by, e nel contempo aumentano le possibilità per una permanenza di Stefan Radu, anch’egli cercato dall’Inter. A centrocampo il sogno resta Ruben Loftus-Cheek, ma l’ingaggio da 4 milioni annui ha spaventato un po’ tutti. L’alternativa low cost potrebbe essere invece Thorsby, in uscita dalla Sampdoriae e cercato anche dall’Atalanta. In attacco invece, El Tucu Correa potrebbe essere il profilo indiziato per la cessione. Considerando la necessità di acquistare delgi esterni, Orsolini, valutato 20 milioni dal Bologna, piace molto al tecnico. L’alternativa sarebbe Jovetic, che si libererà il 30 giugno dal Monaco. Proposto da Ramadani, stesso agente del Comandante, l’ex viola ha 31 anni e sogna di tornare in Italia. A non convincere sono le sue condizioni fisiche. Sulla lista dei papabili anche Ilicic, Grifo, Felipe Anderson e Brandt del Borussia Dortmund

- Advertisement -© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Latest Posts

APPROFONDIMENTI