Sarri: "Europa League manifestazione cattiva. Obiettivo passaggio del turno"

Pubblicato 
mercoledì, 07/09/2022
Di
Daniele Izzo
Tempo di lettura: 3 minuti

LAZIO FEYENOORD CONFERENZA SARRI - Domani Lazio - Feyenoord apre l'avventura europea dei capitolini. Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match con gli olandesi, Maurizio Sarri ha così presentato le tematiche della sfida.

LEGGI ANCHE: Le probabili formazioni di Lazio - Feyenoord
LEGGI ANCHE: Lazio - Feyenoord, la conferenza di Milinkovic-Savic

Lazio - Feyenoord, la conferenza stampa di Sarri

"Ambizione? Non dobbiamo pensare troppo al lungo periodo. Il primo target è, quindi, il passaggio del turno, possibilmente evitando gli insidiosi play-off. In tale ottica la partita di domani è importantissima".

Sulla possibilità del turnover

"Io di far vedere qualcuno dei nuovi non ho nessun interesse, li vedo tutti i giorni. Sicuramente ora, però, la necessità di fare qualche cambio diventa impellente. Cancellieri? In questo momento è l'alternativa a Immobile. Poi noi lo utilizziamo anche da esterno, che è la sua storia. Matteo è un ragazzo che ha gamba, accelerazioni importanti e quindi, se riesce a calarsi nel ruolo, può far bene anche da punta centrale".

L'iniziativa della Procura FIGC sulle dichiarazioni di Lazio - Napoli

"Quello che è successo lo hanno visto tutti. Io ho l'obbligo di difendere i giocatori, la società e il popolo laziale. Lo rifarei tutta la vita. Sarà lavoro per il mio avvocato, che quest'anno potrebbe avere molto lavoro. Ma ora torniamo a parlare d'Europa".

Un commento sul Feyenoord

"Il Feyenoord è una buona squadra. Ha grande qualità di palleggio. Sono pericolosi perché dietro a Danilo, attaccante molto forte, giocano con tre mancini di ottimo livello. L'anno scorso hanno fatto finale di Conference League e in questa stagione sono ripartiti benissimo".

Su Cataldi

"Nel calcio ci sono giocatori che hanno una maturazione più lenta: Danilo è uno di questi. In più sta giocando in un ruolo particolare, che richiede esperienza. Ora inizia ad averla e secondo me lo sta facendo molto bene. Deve salire ancora un pizzico dal punto di vista fisico, poiché non ha ancora la durata ad alta intensità".

L'importanza dell'Europa League

"L'anno scorso abbiamo fatto un buon girone. E' chiaro che si sarebbe deciso all'ultima partita, che noi, purtroppo, non siamo riusciti a vincere. Anche con il Porto abbiamo fatto partite di buon livello. In questo momento, comunque, non possiamo prediligere una competizione rispetto a un'altra: ora dobbiamo cercare di far bene in tutte. Se ci sarà un momento di scegliere, speriamo arrivi più in là possibile".

La posizione di Vecino

"Centrale di centrocampo? Lo può anche fare, ma quello è un ruolo che richiede specificità. E' chiaro che in alcuni frangenti Matias può ricoprire quei compiti. Al momento, però, lo teniamo come carta di riserva a partita in corso".

Un'analisi sulla partita con il Napoli

"Difficoltà? Da un punto di vista fisico non penso. Con il Napoli abbiamo fatto la miglior prestazione per quanto riguarda i numeri. Diciamo che a un certo punto della sfida dell'Olimpico si è creata una problematica di distanze, con corse che diventavano dispendiose e poco efficaci. Dispiace che abbiamo dato la sensazione di andare in gestione: preferivo prendere l'1-1 in contropiede".

Il calendario stretto dell'Europa League

"L'Europa League è una competizione quasi infattibile. Momenti di relativo riposo, nei quali avere la possibilità di avere qualche giorno normale per allenarsi, diminuisce sempre più. E, di conseguenza, si è ridotta anche quella di giocare il lunedì in campionato. Da questo punto di vista è una manifestazione molto più cattiva rispetto alla Champions League, proprio per una questione di giorni. Però noi non dobbiamo darci gli alibi".

Le condizioni di Pedro e Romagnoli

"Non sono preoccupato sulle prestazioni fisiche della squadra, che sono di altissimo livello. Romagnoli sta bene, ha fatto controlli di routine".

Lazio ed Europa League

"L'Europa è sempre importante. Quando vai fuori dall'Italia niente va dato per scontato, perché la realtà è diversa da quello che pensiamo. Quindi per la crescita di una società, di una tifoseria, dell'ambiente tutto, far bene nel continente è fondamentale".

, , , ,
Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram