lazionews-lazio-sinisa-mihajlovic
LaPresse
Tempo di lettura: 3 minuti

BOLOGNA LAZIO MIHAJLOVIC CONFERENZA – Alla vigilia della gara contro la Lazio, in programma domani alle 18, il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic ha parlato nella consueta conferenza stampa prepartita. Queste le sue parole.

Lazio reduce da una pesante sconfitta

“Ognuno farà la propria partita, noi non cambieremo la nostra mentalità e non penso neanche loro. Sarà una partita aperta, vediamo che succede”.

Insidie nella gara contro i biancocelesti

“All’andata abbiamo perso con più possesso palla nella loro metà campo, abbiamo tirato più di loro, creato più occasioni di loro: ma abbiamo perso. Dobbiamo cercare di rifare la stessa partita. Per come la vedo io, quando prendi quattro gol dal Bayern forse qualche scoria può restare, anche se hanno perso con una squadra di fuoriclasse. Magari puoi perdere qualche certezza. Serve imporre la nostra mentalità senza far prendere loro coraggio: hanno fisicità, tecnica, compattezza, hanno tutto, non lo scopro certo io. Se giochiamo come sappiamo però, chissà cosa può succedere, tutte le partite cominciano da zero a zero”.

Possibile conferma per Svanberg e Dominguez

“Anche a me sono piaciuti, il centrocampo è il reparto dove soffriamo di meno e abbiamo molte soluzioni: c’è Poli, Baldursson, tornerà anche Medel, lì non abbiamo mai problemi. Forse domani li riproponiamo”.

Considerazione sugli errori del Var

“Quello che dovevo dire l’ho detto, anche in Champions abbiamo visto errori gravissimi, c’erano rigori per Juve e Lazio, ieri con la Stella Rossa, l’espulsione di Freuler, succede ovunque ma non so perché. I designatori sono tutti e due italiani, forse non vogliono essere favorevoli alle squadre italiane, uno è di Bologna.. Sarà una cosa psicologica. Tutti lavorando possono sbagliare, succede anche a me quando faccio i cambi e tolgo un centrocampista invece di una punta. Non è malafede, fa parte del calcio anche se dispiace perché ci sono errori ripetuti e ti viene un po’ di rabbia. Non ho da recriminare nulla”.

Ritorno dei tifosi allo stadio

“Quando i ristoranti riaprono la gente va a mangiare: non è diverso, secondo me. Quando sei abituato a un certo tipo di vita e te la tolgono, penso che ci sia piacere a tornare quando si riapre. Credo possa essere la stessa cosa per lo stadio, anzi forse ci sarà ancora più gente. Bisognerà vedere come reagiranno i giocatori, all’inizio potrebbe essere un trauma ritrovarsi lo stadio pieno, non sarà facile. Sarà lo stesso effetto di quando ci si è ritrovati a giocare senza pubblico”.

Prestazioni della squadra

“L’ho vista bene, ma c’è ancora un ultimo allenamento e spero che non lo sbaglino. Bigon prima del Benevento mi disse ‘non sbaglieremo atteggiamento dopo una settimana così’, io ho risposto ‘nel calcio non si sa mai’ e infatti… È tutto da scoprire”.

Considerazioni sugli arbitri

“Servirebbe, a parte conoscere le regole, avere più empatia in campo, avere un rapporto umano e spiegare le cose senza essere intoccabili. Gestire una partita non è facile, si può sbagliare. A me per esempio è piaciuto molto Orsato quando ci ha arbitrato, perché spiega in campo. Serve magari maggior rispetto da tutte le parti, magari anche più empatia. Quando succede qualcosa io chiedo al quarto uomo, lui mi spiega e capisco che è stata una mia mancanza non sapere una cosa. Quando succede dall’altra parte invece quella regola non c’è più. Guardiamo il campionato inglese, sembra che l’arbitro non ci sia e le partite trovano maggior ritmo, in Italia invece il gioco è troppo spezzettato. Il confronto c’è stato: sono stato a Montecarlo a vedere una partita di Champions, tra Monaco e Barcellona e arbitrava Orsato, ha arbitrato una meraviglia. La settimana dopo ha arbitrato noi col Torino e fischiava tutto: allora ho chiesto spiegazioni e mi ha detto che in Italia è diverso. Qui dovrebbero lasciar più giocare, quando non c’è fallo fischiano e quando c’è fallo ammoniscono”.

Le condizioni di Tomiyasu

“Se giocherà Tomiyasu? Devi chiedere al dottore, io non faccio il dottore .Con tutte le volte che avete detto che ha sempre giocato, doveva farsi male ed era diffidato, ecco che si è fatto male proprio nella settimana in cui ci sono tre partite. Lui non è mai stato sostituito, ha giocato sempre, tutti i minuti e quindi perdiamo molto, sicuramente ci sono giocatori per sostituirlo ma con caratteristiche diverse”.

Skov Olsen e Orsolini

“Sono due giocatori importanti, è questione di concentrazione: il più concentrato è Skov Olsen, il più pericoloso per adesso è Orso. Loro sanno cosa devono migliorare, se uno prende dall’altro abbiamo un grandissimo giocatore, ma stiamo lavorando per avere due grandi giocatori. Skov deve essere più incosciente, Orso deve migliorare sull’aspetto difensivo. Hanno due caratteri diversi che danno vantaggi e svantaggi, Orso è più incosciente e ogni tanto dietro si perde, l’altro invece è più concentrato ma magari ha meno coraggio in avanti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.