GAZZETTA DELLO SPORT. «Chiediamo scusa Giusto fischiarci»

Pubblicato 
domenica, 08/01/2012
Di
Redazione Lazionews.eu
Tempo di lettura: 2 minuti
(getty images)

 

Dov'è finita la Lazio? Dentro un panettone, si potrebbe dire se si potesse scherzare. Ma no, non si può scherzare dopo un 4-0 così pesante, così devastante, dal quale non sarà facile riprendersi. La Lazio è sparita e (per ammissione dello stesso Reja) non si sa neanche il perché. Forse quello di Siena è stato solo un brutto sogno, un incubo dal quale ci si sveglierà presto e tutto tornerà come prima.
Squadra con le rughe «Abbiamo finito l'anno male e abbiamo cominciato peggio quello nuovo», ha sentenziato Reja. Che poi ha aggiunto: «Il problema è soprattutto mentale». A Siena la squadra ha sicuramente mostrato un deficit di concentrazione, ma l'impressione è che anche a livello fisico ci sia qualcosa (molto) che non va. L'età media elevatissima della squadra comincia a presentare il conto. Si pensava che la sosta potesse bastare a ricaricare le pile e invece non è servita a molto. Anche perché, probabilmente, la gestione del periodo di stop non è stata all'altezza della situazione.
Caso Sculli Intanto sembra ridimensionarsi il caso Sculli. Uscendo dal campo (è stato sostituito con Diakite a un quarto d'ora dalla fine) il giocatore non ha fatto nulla per nascondere il suo disappunto nei confronti di Reja, mandandolo a quel paese. A fine gara però i due hanno immediatamente chiuso il caso: «Non ce l'avevo assolutamente col tecnico – ha detto Sculli – Ero solo nervoso per l'andamento della gara».

Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram