lazionews-lazio-spadafora-vincenzo-lotito-claudio
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

SERIE A SPADAFORA – Mentre il mondo continua a combattere l’emergenza Coronavirus, la Serie A è ormai ferma da quasi tre settimane. In Lega nel frattempo si discute su una possibile ripresa dei campionati. Si è espresso a riguardo, il ministro dello sport Vincenzo Spadafora. Queste le sue parole rilasciate ai microfoni di Rai 3.

Le parole di Vincenzo Spadafora

Le previsioni che facevano pensare di poter riprendere a fine aprile o ai primi di maggio le competizioni sportive credo siano state troppo ottimistiche vista l’evoluzione dell’emergenza sanitaria. Sono molto dubbioso rispetto all’ipotesi del 3 maggio fatta dal mondo del calcio. Di sicuro posso dire che, qualora ci saranno le condizioni per riprendere le manifestazioni sportive, certamente si ripartirà a porte chiuse. Non è pensabile diversamente, ma ho anche qualche dubbio rispetto alla data del 3 maggio. Questa emergenza sanitaria purtroppo evolve di continuo e gli stessi scienziati non hanno certezze sulla sua evoluzione: dobbiamo adattare molto spesso le nostre decisioni rispetto all’epidemia”.

Situazione complicafa

“La scelta finale spetterà alla Figc, ma è difficile che si possa riprendere a inizio maggio. Se poi la Federcalcio deciderà di posticipare le partite nei mesi estivi, ho letto anche forse a luglio e ad agosto, vedremo, ma oggi la situazione è complicata. Del resto il mondo del calcio ci ha messo un po’ di tempo in più per capire l’emergenza e ora immagino che si muoverà con tutta la cautela necessaria. Sono contrario assolutamente in chi, in modo superficiale, decide di svolgere attività motoria mettendo a rischio se stessi e gli altri. Abbiamo lasciato questa opportunità per un motivo serio, perché ci sono persone che hanno patologie importanti per cui è fondamentale, a volte indispensabile, fare camminate o correre. Ma parliamo di un numero molto limitato di persone. La cosa migliore in questo momento è non muoversi da casa. Tutti dobbiamo dare il buon esempio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.