GAZZETTA DELLO SPORT. Hernanes e un tifoso: litigio, poi la pace

Pubblicato 
martedì, 03/04/2012
Di
Redazione Lazionews.eu
Tempo di lettura: 2 minuti

GAZZETTA DELLO SPORT. Hernanes e un tifoso: litigio, poi la pace

Una sintesi dell'articolo de La Gazzetta dello Sport. Nervosismo a Formello dopo la brutta sconfitta di Parma. Poi però torna il sereno...

Se perde la pazienza pure lui vuol dire che la situazione è seria. Perché lui, Hernanes, è uno di quelli che ha sempre il sorriso stampato sulla faccia, anche nei momenti più difficili. Ieri, invece, ha perso le staffe all'ingresso del centro sportivo di Formello, dove un singolo tifoso lo ha rimproverato per lo scarso impegno messo in campo sabato a Parma. A dire il vero il contestatore solitario aveva rinfacciato la stessa cosa anche ad altri laziali, arrivati a Formello qualche minuto prima del brasiliano. Loro, però, hanno tirato dritto senza fare una piega. Il Profeta, invece, ha preso cappello. Stava quasi per scendere dalla macchina per affrontare di petto il tifoso. Lo hanno bloccato gli uomini della vigilanza privata di stanza nel centro sportivo laziale. Poi, in seguito, c'è stato anche il lieto fine: Hernanes e il contestatore si sono stretti la mano all'interno del centro sportivo laziale, chiarendo le rispettive posizioni. Un episodio, quindi, già chiuso e archiviato, che tuttavia fa da spia al nervosismo che ha colpito ultimamente Hernanes. Sabato a Parma il brasiliano ha conosciuto la prima panchina stagionale, arrivata dopo una serie di prestazioni deludenti. Intanto c'è da pensare alla finalissima di Sabato contro il Napoli, che la Lazio affronterà come al solito in formazione rimaneggiata. Agli infortuni di Klose, Lulic e Stankevicius si è aggiunto quello di Dias che a Parma ha rimediato uno stiramento di primo grado alla coscia sinistra: ne avrà per tre settimane. E c'è pure un allarme Radu: ieri il romeno si è fermato per un dolore al ginocchio destro. Oggi starà a riposo, poi si valuterà. Ce n'è abbastanza, insomma, per rendere Reja nervoso. Quanto l'Hernanes di ieri.

Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram