L'ex Mirra: "La Lazio è entrata di diritto tra le grandi della Serie A"

Pubblicato 
mercoledì, 04/09/2019
Di
Redazione Lazionews.eu
lazionews-lazio-roma-luis-alberto-correa
Tempo di lettura: 2 minuti

MIRRA LAZIO - Ha giocato nella Lazio una sola stagione, nel 1981-82 ma è poi tornato nel ruolo di vice-allenatore nel 2004-05. Vincenzo Mirra, ex difensore biancoceleste (8 presenze, 1 gol), è ora nello staff dirigenziale del Chievo Verona. Intervenuto ai microfoni della radio del club capitolino, ha svelato i suoi pareri sull'undici di Inzaghi.

Mirra: "Rammarico per il derby, i big sono partiti tutti forte"

DERBY - "C’è grande rammarico nell’ambiente biancoceleste per aver pareggiato il derby di domenica scorsa. Allo stesso tempo, però, ora sappiamo che la Lazio è pronta per questa stagione e può puntare concretamente ai suoi obiettivi. La formazione biancoceleste in queste prime giornate di campionato è sicuramente favorita sulle compagini che, nel corso di quest’estate, hanno cambiato molti interpreti. Lo abbiamo visto, infatti, contro la Sampdoria e la Roma. Inoltre, la squadra di Inzaghi è una delle formazioni ad aver svolto un ritiro lungo sempre nella stessa località, senza prender parte a tornei o manifestazioni". 

SINGOLI - "In rosa ci sono individualità come Correa, Luis Alberto ed Immobile che in questo avvio di stagione sono partiti molto bene. Quest’anno la Società è riuscita a preservare tutti i pezzi pregiati della rosa. Nella passata stagione, invece, non sempre i calciatori più forti qualitativamente erano riusciti ad esprimersi al meglio. Come in tutte le squadre, c’è sempre un calciatore in grado di fare la differenza. La Lazio è entrata di diritto tra le più grandi del campionato. I biancocelesti, per il gioco che offre, cerca sempre la profondità ed, infatti, il reparto offensivo di Inzaghi è ricco di calciatori capaci ad attaccare gli spazi". 

INZAGHI - "Simone Inzaghi è molto bravo ad individuare le caratteristiche di ogni suo giocatore. La sua squadra può portare pressione nella metà campo avversaria per recuperare presto il pallone e, allo stesso tempo, è anche brava ad aspettare la formazione avversaria nella sua metà campo per poi ripartire in contropiede".

Non perdiamoci di vista, seguici!
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram