lazionews-lazio-fiorentina-milinkovic-vlahovic
Getty Images
Tempo di lettura: 3 minuti

FACCIA A FACCIA MILINKOVIC VLAHOVIC – Un inciampo può capitare, ma ora è tempo di rialzarsi. La Lazio vuole dimenticare in fretta la debacle di Bergamo e ripartire subito già nel match di sabato sera dello stadio Olimpico contro la Fiorentina. La squadra Viola, reduce dal deludente pareggio casalingo con il Brescia per 1-1, approda nella capitale senza l’estro di Federico Chiesa, squalificato. Mister Iachini, però, può contare su un centrocampo e un attacco ricchi di qualità, da Castrovilli a Ribery, passando per Dusan Vlahovic. E proprio il confronto tutto serbo tra Dusan Vlahovic e Sergej Milinkovic promette spettacolo.

Milinkovic e la storia di un amore mai nato con la Viola

Sfidare la Fiorentina, per Milinkovic, ha sempre un sapore speciale. Come un toro quando vede rosso, il Sergente si infiamma contro i Viola. Il (non) rapporto con la società di Firenze è iniziato in una lunga notte di agosto di cinque anni fa, quando il ds Tare ha convinto il ragazzo a prendere in fretta un treno per Roma proprio mentre la dirigenza della Fiorentina gli stava porgendo una bella penna blu per firmare un contratto con la Viola. La penna, invece, Sergej l’ha presa in mano 280 km più a sud, nel quartier generale biancoceleste. E’ il 6 agosto 2015 quando Milinkovic, per una cifra intorno ai 10 milioni di Euro, diventa ufficialmente un nuovo giocatore della Lazio. Il Sergente segnò poi la sua prima rete in Serie A il 9 gennaio 2016. Una data speciale, e contro un avversario ancor più particolare, ovvero quella Fiorentina sedotta ed abbandonata poco tempo prima. Milinkovic fece gol, indicò con il dito il simbolo della Lazio sulla maglietta, ribadendo ancora una volta a tutti la convinzione della sua scelta. Quella rete ha segnato l’inizio di un percorso incredibile, che ha fatto diventare Sergej un idolo dei tifosi e un leader in campo e nello spogliatoio. Milinkovic è arrivato già a 6 gol e 7 assist in stagione, guadagnandosi anche l’appellativo di “ammazza big“, dopo le reti decisive (e spettacolari) realizzate in campionato contro Juventus, Inter e Atalanta. L’apoteosi della Milinkocrazia. Negli 8 precedenti contro la Fiorentina, il bilancio del serbo dice 6 vittorie 2 pareggi e una sola sconfitta con un gol e un assist a referto. Sui social ha sbandierato la voglia di tornare a sognare, ora il numero 21 aspetta solo il fischio d’inizio del match per dare nuovamente sfogo a tutte le sue qualità.

Tutto l’estro di Vlahovic: il serbo sfida per la prima volta la Lazio

Da un talento serbo a un altro. A fronteggiare le gesta del Sergente ci sarà infatti Dusan Vlahovic, vera e propria scoperta della società viola. La Fiorentina lo ha prelevato nel 2018 dal Partizan Belgrado e l’esterno, classe 2000, ha impiegato poco tempo per farsi valere. Aggregato dapprima alla Primavera, Vlahovic ha vinto subito la Coppa Italia di categoria, conquistando anche il titolo di capocannoniere della competizione. Il 25 settembre 2018, in occasione di Inter-Fiorentina 2-1, ha esordito in maglia viola, diventando il primo 2000 a giocare con i toscani. Ma è solo da quest’anno che Vlahovic si è conquistato un posto fisso in prima squadra. Protagonista in stagione di 6 gol e 1 assist in 23 presenze, il serbo è il miglior marcatore dei suoi, insieme a Chiesa. Giocatore veloce e dotato di un buon tiro dalla distanza, Dusan affronterà per la prima volta in carriera la Lazio. Nella partita di andata, infatti, non scese in campo. Così come Milinkovic, anche il talento viola è tra i nomi più corteggiati del mercato. Vlahovic ha un contratto in scadenza nel 2023, ma ha sempre ribadito il desiderio di diventare grande con la Fiorentina. Con qualche anno di ritardo, anche il popolo di Firenze può abbracciare il suo piccolo, grande talento dei Balcani. E sabato sera Milinkovic e Vlahovic saranno uno contro l’altro, pronti a guidare verso la vittoria la squadra che hanno scelto di onorare sin dal primo momento. Che vinca il migliore…

Marco Barbaliscia

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.