lazionews-lazio-claudio-lotito
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

LAZIO ACERBI LOTITO – Dopo lo sfogo degli ultimi giorni del difensore biancoceleste, Francesco Acerbi, la Lazio vede riemergere gli eccessivi tatticismi che avevano poi causato negli anni precedenti l’addio di un altro centrale difensivo, Stefan de Vrij.

Lazio, i rinnovi contrattuali difficili

Come riporta la Gazzetta dello Sport, per la società e il presidente Lotito, quello dei rinnovi è spesso stato un terreno minato. A partire dal 2009 con i contratti di Pandev e Ledesma sino ad arrivare ai più recenti, come Keita e De Vrij. L’olandese, dopo troppi rinvii, fu ceduto a parametro zero dalla società all’Inter. Troppe volte ci si era seduti al tavolo per trattare, ma le richieste del giocatore erano troppo elevate per la società. Anche Keita, giocatore a cui Inzaghi teneva molto, lasciò la Lazio per motivi contrattuali. Qui per Lotito andò un po meglio. Il no di Keita per il rinnovo arrivò con un anno di anticipo rispetto alla scadenza. La Lazio riuscì così a venderlo incassando 30 milioni dal Monaco. Andò meglio anche con Felipe Anderson. Il brasiliano voleva guadagnare di più e alla fine fu ceduto al West Ham. La Lazio incassò 38 milioni di euro.

I contenziosi

Nella prima fase della gestione Lotito, i rinnovi contrattuali sono stati più turbolenti. Da ricordare in particolar modo i casi di Pandev e Ledesma che nell’estate del 2009 furono messi fuori rosa e non poterono partecipare alla finale di Supercoppa contro l’Inter. Entrambi si rifiutavano di rinnovare il contratto ed adirono a vie legali. Pandev la spuntò ottenendo lo svincolo e andando all’Inter, diventando poi uno dei protagonisti del Triplete. Ledesma non riuscì ad ottenere ciò che desiderava e fu reintegrato nel gruppo. Stessa cosa accadde per Stendardo, messo fuori rosa e poi riabilitato per essere ceduto alla Juventus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.